16 novembre: 12° appuntamento WIMS

Lascia un commento al film SILENZI E PAROLE.

Giovedì 16 novembre, Teatro Alkestis, via Loru 31 (Cagliari) dodicesimo e ultimo appuntamento cinematografico della rassegna integrata di cinema e teatro “Walking in my shoes”.

Alle 19.30 incontro con il regista Peter Marcias intervistato dal prof. Gianni Olla (critico cinematografico).

A seguire, alle ore 21.00 sarà proiettato il suo ultimo film SILENZI E PAROLE (Italia 2017 – durata 86′).

TRAMA:

Cagliari. Il documentario segue in parallelo i riti e le attività dei frati cappuccini del convento di S.Ignazio e dell’associazione ARC che difende e promuove i diritti della comunità L.G.B.T.Q.. Mentre i frati seguono la scansione delle settimane della Quaresima, l’ARC prepara una fiaccolata per la Queeresima un’iniziativa che prevede anche incontri, conferenze e dibattiti legati ai temi che caratterizzano l’impegno dell’associazione.

Peter Marcias, mentre girava La nostra quarantena, ha avuto notizia delle attività dell’ARC nonché dell’opera dei frati che, come lui stesso dichiara, “attraverso la preghiera e l’aiuto concreto, sostengono ogni giorno famiglie intere e persone che hanno perso la fiducia in loro stessi e nel prossimo” e ha voluto offrire un’opportunità di farsi conoscere ad entrambe le testimonianze.

In un’epoca storica in cui papa Bergoglio continua incessantemente a stimolare la comunità dei fedeli ad andare incontro a tutti e a far cadere i muri si tratta di una iniziativa indubbiamente interessante. Dell’ARC si seguono le riunioni, finalizzate a organizzare la manifestazione, dalle quali emergono dinamiche di integrazione e confronto tra temi che, da sole, possono polverizzare i pregiudizi omofobi che vedono queste comunità come chiuse in se stesse e incapaci di guardare al di fuori dei propri ambiti. Dei frati emerge in misura maggiore la ritualità (in cui prevale la lingua latina che la Chiesa postconciliare ha collocato ai margini anche se non ne ha impedito l’utilizzo) accompagnata da una quotidianità in cui solo a tratti si intuisce (anche se viene enunciata verbalmente) l’attenzione a chi è in difficoltà. Per chi sia all’oscuro dei movimenti interni a una Chiesa finiscono quasi con l’avere più peso i pochi secondi dedicati alle conservatrici Sentinelle in Piedi, chiuse nel loro ideologico silenzio. Questo non impedisce però di dare atto a Marcias di avere seguito con rispetto e attenzione due mondi solo apparentemente distanti.

Guarda il trailer

Precedente 14 novembre: 11° appuntamento WIMS Successivo 24 e 25 novembre: La crociata dei senza fede